Diventare programmatore informatico Come diventare un programmatore informatico ed entrare a far parte di un mondo lavorativo in forte espansione e ricco di richieste.

Pubblicato da lentux-informatica il

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ti piace il mondo dell’informatica e soprattutto quello della programmazione?

Devi iniziare un percorso di studi e sei incerto su cosa scegliere?

Hai già effettuato altri studi e fatto altri lavori ma ti sei accorto che ti piace questo mondo?

Vuoi diventare programmatore informatico?

Allora sei arrivato nel posto giusto al momento giusto.

LEGGI ANCHE: Guida completa per iniziare a sviluppare applicazioni Android

Infatti il lavoro nel mondo dell’informatica, soprattutto in quello della programmazione, è uno di quelli che secondo le ultime indagini di mercato offre un gran numero di possibilità di sbocco nel mondo lavorativo attuale.

Per farsi un’idea ben precisa di quello che sto dicendo in questo articolo, basta semplicemente andare su un qualsiasi motore di ricerca di lavoro e guadare semplicemente le ultime offerte inserite.

Vi accorgerete subito che il 70% delle offerte di lavoro riguardano tutte il mondo dell’informatica.

Alcune a livello più alto (Project Manager, Software Architect, Database Admin ecc.), in cui servono assolutamente anni di esperienza nel settore.

Altre (la maggior parte) invece riguardano la figura del programmatore di un qualsiasi linguaggio tra quelli più in voga.

I requisiti

Innanzitutto vorrei sfatare un “mito”.

In molti siti ho letto che per poter entrare a far parte di questo mondo della programmazione informatica sia necessaria una laurea o almeno un diploma di perito informatico.

Questo è assolutamente falso.

Non è assolutamente necessaria nè una laurea nè alcun diploma di perito informatico per poter essere assunto da un’azienda o per avviare una startup.

Ovviamente servono le conoscenze giuste!!!

Nella mia carriera lavorativa ho incontrato persone di qualunque tipo.

Sia persone in possesso di una laurea o un diploma in ambito informatico o scientifico, ma anche persone senza alcun titolo di studi o addirittura con titoli che nulla avevano a che fare con il mondo dell’informatica.

Dicendo questo non voglio assolutamente sminuire una laurea o un diploma in ambito informatico, anzi tutt’altro.

Sto solo cercando di far capire che qualsiasi persona con voglia di imparare, conoscere nuove tecnologie e appassionata del mondo dell’informatica, può diventare, seguendo specifici corsi di programmazione, un buon programmatore informatico.

Infatti in sede di colloquio, non è tanto importante quello che si trova scritto su un curriculum (che tanto volte potrebbe anche essere “gonfiato” a dovere), ma la capacità della persona intervistata di rispondere in maniera chiara e sicura alle domande poste.

  Non è importante il curriculum che hai, ma è fondamentale ciò che dimostri di sapere.


Approfitta della settimana del Black Friday di Amazon con sconti fino al 60% su moltissimi articoli!!!


Cosa bisogna imparare

Quello che bisogna conoscere per diventare un buon programmatore è ovviamente “almeno” un linguaggio di programmazione.

Perchè dico “almeno” uno? Entrare nel mondo della programmazione, in parole semplicissime significa entrare in un mondo parallelo a quello reale.

Nel mondo della programmazione, il mondo reale viene trasferito in un mondo parallelo costituito da oggetti, nel senso che ogni cosa reale può essere rappresentata nel mondo della programmazione da un oggetto.

Tu che stai leggendo questo articolo, in un linguaggio di programmazione, ad esempio JAVA, sappi che sei un oggetto!!!

Tutto ciò per far capire che la parola “almeno” utilizzata in precedenza sta a significare che per quanto riguarda i vari linguaggi di programmazione che esistono, se ne conosci bene almeno uno non ti sarà per nulla difficile imparare successivamente un altro.

Il mondo della programmazione

Facciamo un esempio pratico.

Se impari un linguaggio di programmazione è come se imparassi un’altra lingua, ad esempio l’inglese per comunicare cone le persone che parlano in inglese.

Quindi non fai altro che tradurre le parole dalla lingua italiana alla lingua inglese.

Se successivamente vuoi iniziare a comunicare con persone spagnole, non dovrai fare altro che tradurre le parole dall’italiano allo spagnolo.

Ma la frase da dire magari è sempre la stessa, con la differenza che da una parte ti serve l’inglese e dall’altra ti serve lo spagnolo.

Quindi la conclusione è che per comunicare con persone che parlano altre lingue basta semplicemente capire il discorso da dire quale vuoi che sia, e tradurlo nella sua relativa lingua.

In informatica vale la stessa cosa: hai capito il discorso che devi dire?

Ok…devi scriverlo e tradurlo in JAVA? Devi scriverlo e tradurlo in C++?

Il discorso da dire è sempre lo stesso, il metodo di ragionamento è sempre lo stesso, traducilo in uno dei linguaggi che ti serve.

Quanto si guadagna?

Per quanto riguarda i guadagni di un programmatore informatico, entrano in gioco diversi fattori da tenere in considerazione.

Innanzitutto il linguaggio di programmazione che si conosce.

Ci stanno i linguaggi più “vecchi” come JAVA, C, C++, .NET, che sono si i più ricercati ma anche quelli in cui è maggiore il numero di persone che li conoscono.

Ci stanno anche però i linguaggi più “moderni” come TypeScript, Node.js, Phyton, objective-C (programmazione iOS) o programmazione Android, che sono quelli del futuro.

Ancora poche persone li praticano e utilizzano, quindi la richiesta di mercato è alta rispetto al numero di programmatori esistenti.

Quindi facendo una media delle cifre che circolano in rete, uno stipendio medio in Italia varia tra i 20.000 ed i 30.000 euro lordi annui per un programmatore Junior.

Tra i 30.000 e i 50.000 per un programmatore Senior con molti più anni di esperienza alle spalle.

Ovviamente il discorso degli stipendi è strettamente legato al luogo e alla tipologia di azienda.

Città grandi come Milano, Roma, Torino ovviamente offrono molte più possibilità di lavoro in questo ambito con stipendi più alti rispetto a piccole città.

Al momento ancora molto ma molto lontani dagli stipendi di altre nazioni europee e mondiali.




In Germania lo stipendio medio è di circa 40.000 euro lordi annui e addirittura negli Stati Uniti si arriva anche fino a 100.000 dollari lordi annui.

Se sei appassionato di programmazione e vuoi iniziare un percorso di studi dai uno sguardo alle molte guide presenti all’interno del sito.

Troverai tutto il materiale necessario sia per installare e configurare un corretto ambiente di lavoro per la programmazione Java o per la programmazione Android.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •