Mantenere il proprio pc pulito, veloce e sicuro Una guida specifica per mantenere il proprio pc o notebook in condizioni ottimali, per averlo sempre veloce e sicuro e farlo durare più a lungo.

Pubblicato da lentux-informatica il

  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

Ogni utente, sia esso esperto o meno, deve spesso scontrarsi con il progressivo decadimento del proprio computer col passare degli anni.

La cosa è abbastanza normale con tutti i dispositivi tecnologici, ma con dei piccoli accorgimenti si può fare in modo che abbia una vita più lunga possibile.

Dimenticatevi lunghe attese all’avvio e allo spegnimento, rallentamenti all’apertura di browser e finestre e continui blocchi del sistema operativo.

Seguendo questa guida potete mantenere in salute il vostro pc per molto tempo, senza accorgervi degli anni che passano.

Hardware e software

La differenza sostanziale quando bisogna intervenire per effettuare una corretta manutenzione del proprio pc riguarda due componenti differenti: la parte hardware e la parte software.

In base al proprio computer, sia esso un pc fisso o portatile, questi due componenti vanno sempre tenuti in considerazione per sapere dove e come intervenire.

Per tutti i nuovi dispositivi, con meno di un anno di vita, in situazioni normali è necessario intervenire soltanto sulla parte software.

LEGGI ANCHE: Le migliori app provate e testate per guadagnare soldi veri

Per quei computer più datati invece, a causa degli accumuli di polvere che si formano negli anni, oltre alla parte software sarebbe necessario intervenire anche sulla pulizia di qualche componente hardware.

La polvere infatti è il nemico numero uno di qualsiasi computer.

Si accumula col tempo all’interno del pc, ostruendo le prese d’aria e impedendo alle ventole di raffreddamento di svolgere il loro compito in maniera corretta.

Ciò comporta un notevole aumento di calore con conseguente rallentamento del pc e quei fastidiosi rumori di sottofondo della ventola che gira sempre più velocemente.

Quindi, prima di procedere nella lettura di questa guida, dovete essere voi stessi a capire la modalità di intervento necessaria sul vostro computer.

Migliorare le prestazioni software

Iniziamo dalla parte software, che oltre ad essere quella più semplice è anche quella che tutti possono effettuare facilmente senza particolari conoscenze informatiche.

LEGGI ANCHE: God Mode di Windows: cos’è e come funziona

Tutto ciò che serve è un po’ di pazienza e seguire passo passo questa guida che vi permetterà di mantenere il vostro computer più veloce, performante e sicuro possibile.

Il sistema operativo

Il primo punto da affrontare è quello che riguarda il Sistema Operativo installato o da installare sul proprio computer.

Escludendo i computer acquistati di recente, i quali hanno già preinstallato l’ultimo sistema operativo Windows 10, anche i computer più datati possono e “dovrebbero” utilizzare Windows 10.

Windows 10 è considerato, insieme a Windows XP, Windows 98 SE e Windows 7, uno dei migliori sistemi operativi di casa Microsoft.

Io personalmente ho installato Windows 10 su un notebook Acer del 2009, quasi 10 anni di vita, con risultati sorprendenti.

L’unica cosa da tenere in considerazione è la presenza di almeno 4 GB di RAM per consentire un corretto funzionamento del sistema operativo.

In molti di voi magari si staranno chiedendo come sia possibile installare l’ultima versione di un sistema operativo su un computer vecchio senza rallentarlo.

La domanda è leggitima.

Ma se questo può valere con i vecchi modelli di alcuni smartphone sui quali viene installato l’ultimo aggiornamento del sistema operativo, non vale assolutamente con i computer.

Windows 10 infatti, da fonti ufficiali, è considerato uno dei migliori e più leggeri sistemi operativi mai creati da casa Microsoft.

La quasi mancanza dei famosi crash, la velocità e la stabilità di questo nuovo sistema operativo lo rendono uno dei migliori da poter installare anche su computer ormai datati.

Antivirus e aggiornamenti di sistema

Una volta installato il sistema operativo, quello che bisogna fare è mantenerlo costantemente aggiornato attraverso gli aggiornamenti automatici.

L’errore che molti fanno, è quello di disattivare gli aggiornamenti automatici di Windows per non attendere qualche minuto in più all’avvio o allo spegnimento del pc per l’installazione degli aggiornamenti stessi.

E’ sempre meglio perdere qualche minuto per installare gli aggiornamenti piuttosto che aspettare dopo per eventuali blocchi e rallentamenti del pc.

L’aggiornamento del sistema operativo di qualsiasi dispositivo è di fondamentale importanza.

Consente infatti, oltre alla correzione di bug e errori di sistema, anche il costante aggiornamento di firewall e antivirus, rendendo il computer sempre protetto da possibili attacchi.

Per attivare tutti gli aggiornamenti basta andare nelle impostazioni del computer.

Una volta aperta la finestra con tutte le impostazioni di sistema bisogna cliccare sulla relativa icona chiamata “Aggiornamento e Sicurezza” e attivare, nel caso fosse disabilitata, la voce relativa a Windows Update.

mantenere pc pulito

mantenere pc pulito

In caso di presenza di aggiornamenti sarà Windows stesso ad occuparsi di scaricarli e installarli al momento della chiusura del sistema operativo.

Sempre all’interno della finestra relativa all’Aggiornamento e Sicurezza è presente sulla colonna di sinistra una voca chiamata Windows Defender, l’antivirus integrato nel sistema operativo dalla versione di Windows 7 fino a Windows 10.

mantenere pc pulito

A differenza dei primi anni, nei quali creava parecchi problemi di stabilità, successivamente Windows Defender è stato migliorato notevolmente.

Al momento viene considerato un ottimo antivirus e anti-malware e, insieme a Windows Firewall, è sufficiente per garantire un’ottima sicurezza.

Questi strumenti di protezione del pc hanno raggiunto notevoli perfezionamenti nel tempo, rendendo quasi inutile l’installazione di antivirus esterni come succedeva in passato.

Quindi la prima cosa da fare prima di collegarsi a una rete internet è quella di abilitare sia gli aggiornamenti automatici che Windows Defender per stare lontani da eventuali attacchi.

Partizionare il disco fisso

Per migliorare le prestazioni di un computer, una delle prime cose da fare è quella di creare delle partizioni del disco rigido.

Ogni personal computer è dotato di un hard disk di dimensioni variabili all’interno del quale viene installato il sistema operativo, i programmi e tutti i files personali.

Buona cosa sarebbe quella di dividere l’hard disk fisico in due o più partizioni logiche come se fosse diviso in parti distinte.

Questo procedimento permette di mantenere il sistema operativo e il software installato su una partizione di dimensioni ridotte e il resto dei files in altre partizioni più grandi.

In questo modo, in caso di problemi del sistema operativo (ad esempio in caso di mancato accesso a Windows) si ha la sicurezza di non perdere alcun dato personale.

Infatti, creando due partizioni separate e dovendo formattare o reinstallare Windows, i dati personali come foto, documenti o qualsiasi altro file rimangono al sicuro su un’altra partizione del disco fisso senza il rischio di perdere nulla.

Oltre al fattore relativo alla sicurezza, ci sta anche un altro importante vantaggio che riguarda la velocità di accesso ai dati.

L’utilizzo di una partizione ridotta esclusivamente per il sistema operativo e il resto dei programmi installati rende più veloce l’accesso alle aree di memoria, con relativo aumento della velocità di esecuzione di ogni applicazione.

Per effettuare una partizione del disco basta semplicemente andare all’interno del Pannello di Controllo di Windows e selezionare la voce “Strumenti di Amministrazione”.

mantenere pc pulito

Dalla finestra che si aprirà basterà selezionare la voce “Gestione Computer” e successivamente “Gestione Disco”.

mantenere pc pulito

mantenere pc pulito All’interno della Gestione Disco è possibile visualizzare/creare/eliminare qualsiasi partizione si voglia all’interno del disco rigido.

Nell’esempio in figura è stato assegnato uno spazio di 147 GB per il sistema operativo e i vari programmi e 723 GB per tutti gli altri dati personali.

Gestione del software installato

Sicuramente questa sarà una delle cose meno seguite dagli utenti, ma è anche una delle più importanti.

Capita molto spesso infatti di installare del software che viene utilizzato una sola volta e poi non usato mai più.

Finchè questo avviene con pochi programmi non succede assolutamente nulla.

Ma se i programmi installati e poi inutilizzati cominciano ad accumularsi possono nascere dei problemi.

Questi programmi vanno a modificare il registro di sistema, molti si “infilano” all’interno dei programmi all’avvio del pc, altri lavorano in background senza che noi ce ne accorgiamo.

L’aumentare di questi programmi inutili alla lunga rallenta e di molto la velocità di un computer.

Per di più capita spesso che anche il processo di disintallazione non riesca a eliminare del tutto ogni traccia del programma e le sue relative chiavi nel registro di sistema.

In questo caso entrano in gioco degli appositi programmini di pulizia che sono molto utili a svolgere questo compito.

Uno tra i migliori, che ha anche un’ottima versione gratuita, si chiama CCleaner ed è possibile scaricarlo direttamente dal sito ufficiale.

mantenere pc pulito

Attraverso questo semplicissimo e leggerissimo programma è possibile mantenere il proprio pc sempre in ottima forma.

Utilizzato almeno una volta a settimana, permette di mantenere sempre pulito il registro di sistema, di eliminare files temporanei inutili e svuotare la cache di tutti i browser installati.

Permette inoltre di gestire tutti i programmi all’avvio del pc che spesso sono quelli che lo rallentano notevolmente.

mantenere pc pulito

A meno che non abbiate particolari esigenze, è consigliato lasciare attivo all’avvio il minor numero possibile di software.

Solitamente, qualsiasi computer si possieda, i files indispensabili all’avvio di Windows sono i tre mostrati nella figura precedente:

  • C:\WINDOWS\system32\hkcmd.exe
  • C:\WINDOWS\system32\igfxtray.exe
  • C:\WINDOWS\system32\igfxpers.exe

Dall’immagine in figura è stato disattivato dall’avvio Windows Defender per questioni lavorative, ma è consigliatissimo lasciarlo sempre attivo.

Aggiornamento app

Con Windows 10, come immagino tutti voi sapppiate, è possibile installare nuove app direttamente dallo store di Microsoft.

Come già detto in precedenza, è consigliabile installare soltanto app e software indispensabili all’utilizzo quotidiano e che non vadano a finire nel dimenticatoio.

Una volta installate nuove app, è di fondamentale importanza effettuare sempre gli aggiornamenti quando sono disponibili.

Molte persone, sia che utilizzino smartphone, tablet o pc non fanno molto caso all’aggiornamento delle varie app installate.

L’aggiornamento costante delle app consente di aggiungere nuove funzionalità al proprio dispositivo, ma anche di migliorare stabilità e sicurezza.

POTREBBE INTERESSARTI: Le migliori app per smartphone per trasformare audio in testo

Le app, infatti, non sono altro che dei particolari programmi fatti apposta per il pc e, tra difetti e malware vari, possono anche nascondere dei potenziali rischi in grado di compromettere l’integrità dei propri dati o, addirittura, dell’intero dispositivo.

Quindi è consigliabile prestare sempre attenzione a tutte le notifiche che il sistema operativo ci mostra e effettuare le operazioni adatte.

Backup e ripristino

Questo è quello che reputo il miglior consiglio che possa essere dato a chiunque possieda un computer.

Il backup del sistema operativo dovrebbe essere la prima operazione da effettuare prima di iniziare a utilizzare il pc per qualsiasi operazione.

Sia esso un computer nuovo oppure un computer vecchio sul quale abbiamo appena installato un sistema operativo da zero.

Appena compiute tutte le operazioni di base (installazione s.o., configurazioni grafiche, installazione software e nuovi driver) la prima operazione da effettuare è il backup del proprio dispositivo.

mantenere pc pulito

Le operazioni di backup e ripristino del sistema operativo sono funzionalità native all’interno di Windows.

Permettono di creare un’immagine della partizione sulla quale è installato il sistema operativo e riutilizzarla in caso di blocchi e problemi del sistema operativo stesso.

Ecco il motivo per cui si consiglia di effettuare le partizioni del disco fisso.

Creando infatti una partizione ridotta per installare il sistema operativo, nel momento della creazione del backup si avrà un’immagine di dimensioni minori da poter salvare poi su un chiavetta usb o su qualsiasi altro supporto senza eccessivo consumo di spazio.

Come detto, questa operazione andrebbe fatta subito dopo aver installato il sistema operativo e i programmi strettamente necessari.

Questo garantisce, in caso di ripristino, di avere un ambiente pulito e senza alcun tipo di problema o di infezione.

Migliorare le prestazioni hardware

Passiamo adesso a vedere come intervenire sulla parte hardware per migliorare le prestazioni di un computer.

Queste operazioni dovrebbero essere svolte soltanto da chi è in possesso di computer un po’ più vecchi e solo nel caso in cui siano molto rumorosi.

Nel momento in cui si inizia a sentire sempre più forte il rumore delle ventole e si notano degli eccessivi surriscaldamenti vuol dire che qualcosa non sta andando come dovrebbe andare.

Come già detto precedentemente, il nemico numero uno di un computer è la polvere.

Man mano che passano gli anni, la polvere inizia ad accumularsi all’interno delle ventole di raffreddamento e delle prese d’aria, impedendone il corretto passaggio.

mantenere pc pulito mantenere pc pulito

Sia che si abbia a che fare con computer desktop che con computer portatili il problema è sempre lo stesso.

La polvere che ostruisce il passaggio dell’aria impedendo alle ventole di raffreddare il pc.

Quindi basterà smontare il proprio computer (in rete si trovano video guide per ogni singolo modello) ed eliminare la polvere in eccesso.

Una volta eliminata tutta la polvere è possibile anche, con l’utilizzo di una semplice bottiglietta ad aria compressa, agire sui punti più nascosti, evitando di toccare i circuiti elettrici per non danneggiarli.

Effettuando questa operazione ogni 5-6 mesi si garantisce una corretta manutenzione di tutta la parte hardware che si occupa del raffreddamento del computer.

Conclusioni

Ora che sapete come intervenire sia sulla parte software che su quella hardware, avrete la sicurezza che il vostro computer resterà performante per molto più tempo.

Sono tutte operazioni molto semplici, basterà soltanto un po’ della vostra pazienza e qualche minuto del vostro tempo per seguire questi piccoli ma grandi consigli.

Ricordate soprattutto di effettuare un backup e salvarlo in un posto sicuro per riutilizzarlo in caso di necessità.

Se avete dubbi in merito o non riuscirete a effettuare qualche operazione descritta in precedenza, lasciate un commento nel box in basso e sarete aiutati a capire come risolvere.

POTREBBE INTERESSARTI: Batteria smartphone: consigli per ottenere il massimo


  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •